facebook
instagram
twitter
logo sicra nero
sicrapress_logo_white

Info & Contatti

Sitemap

Categorie News

Categorie News

Pelligra rimbalza i dubbi: Catania, faremo tanta strada insiemeVoto di scambio: arrestato l'ex assessore regionale SorbelloIntimidazione ad Alfio Conti: "Non indietreggio di un millimetro"Letizia Battaglia, la macchina fotografica come una penna per raccontare la mafiaEstorce 100 euro di benzina a un ragazzinoSanità, nel 2023 spesi 40 miliardi per le spese mediche privateSciopero contro la violenza maschile: l'8 marzoAci S. Antonio: ma cosa hanno combinato amministratori e funzionari?Castellini, è lui il giovane capitano del CataniaLanfranco Zappalà e la figuraccia: "Pagherò la multa"

IN EVIDENZA

Sede:
Via Passo Gravina, 122
95125 Catania CT

 

info@sicrapress.it

 

Umberto Teghini
Direttore responsabile 

 

 

Lucy Gullotta
Direttore editoriale 

 

Attualità

Categorie

roof-columns-natural-history-museum-marseille-sunlight-francesmart-agriculture-iot-with-hand-planting-tree-backgroundvertical-shot-wired-fence-with-blurred-backgroundyoung-man-standing-near-window-holding-disposable-coffee-cup-reading-newspapermedium-shot-talented-woman-singingjogging-2343558_640

Il corteo Catania: "Faremo rumore per potere vivere..."

2023-11-24 16:18

Chiara Pellegrino

Notizie, Attualità, In evidenza, giulia cecchetin,

Il corteo Catania: "Faremo rumore per potere vivere..."

Anche a Catania ieri sera, sono scese a protestare migliaia di donne con il movimento argentino Non Una Di Meno..

1-copia-2.jpeg

Bombardati da notizie incessanti ci siamo ritrovati e ritrovate  in questi giorni a leggere ossessivamente i dettagli, sempre più controversi, del caso di Giulia Cecchettin la ragazza ventenne uccisa dal suo ex fidanzato. Un polverone mediatico ci ha avvolto e, come sempre, nel creare tanta nebbia ha diviso, stremato e confuso molti dei lettori e delle lettrici. «Era un bravo ragazzo» dicono,  mentre narrano degli atti osceni commessi  da Filippo Turetta sul corpo della ragazza. Una contraddizione a cui non possiamo essere indifferenti. Cosa ha di diverso il caso di Giulia Cecchettin dalle altre 108 donne uccise solo questo anno? Perché nelle maggiori piazze italiane tra cui Catania ieri sera, sono scese a protestare migliaia di donne con il movimento argentino Non Una Di Meno

 

Una narrazione che cambia  

 

Per la prima volta la narrazione è stata diversa: non un malato, non uomo violento spinto da un “raptus”, non uno stalker né un pervertito  ma un bravo ragazzo di vent’anni  si è questa volta macchiato di femminicidio. I conti allora sembrano non tornare, contro ogni narrazione storica che ha personalizzato i casi di femminicidio relegandoli agli istinti del singolo, questa volta emerge la causa primordiale: una cultura patriarcale di fondo che, in una società dove lo squilibrio di potere tra i sessi è ancora presente, causa una violenza di genere sistemica e non personalizzata che  sfocia poi in un atto estremo: la morte.  

 

A cambiare le carte in tavola e stravolgere la narrazione classica dei femminicidi è stata inoltre la testimonianza della sorella di Giulia, Elena Cecchettin che in un’intervista rilasciata dopo poche ore il ritrovamento del corpo  della sorella, ha ribadito la necessità di lottare per rivendicare il ruolo delle donne all’interno della nostra società, riconoscere una violenza sistemica ed agire per distruggere una cultura patriarcale di cui subiamo ancora i retaggi. « Distruggete tutto» dice Elena animando così i cuori arrabbiati delle donne. Una rabbia, non violenta che, solo attraverso la sorellanza riesce a trasformarsi in forza per reagire. 

 

L’Hashtag Not All Men

 

Un altro ultimo elemento da analizzare prima di arrivare al corteo di ieri sera a Catania è  l’hashtag che circola da giorni sui social «Not all men». Una rivendicazione di protagonismo maschile a cui le donne non vogliono più essere indifferenti. Molti uomini infatti in seguito alla notizia del femminicidio di Giulia Cecchetin  hanno rivendicato la loro posizione non riconoscendo l’accaduto come atto sistemico ma relegandolo a un caso eccezionale. Evidentemente però di casi eccezionali ce ne sono stati 108 in un solo anno e questa è una riflessione da tenere in considerazione. «Numeri da guerra» affermano i e le manifestanti scese in piazza ieri sera a Catania. «Non sentirsi parte del problema - spiegano le attiviste del collettivo catanese Spine Nel Fianco- porta gli uomini a divenire complici di una cultura che ci vuole zitte o morte». 

A tutti quegli uomini che si identificano allora nell’hashtag diffuso sui social, a tutti gli uomini che non si riconoscono nella violenza di genere si chiede allora di prendere posizione: aprire gli occhi  e osservare la società in cui viviamo. Prendere atto della propria posizione di privilegio rispetto a quella delle  donne e troncare sul nascere ogni tipo di reazione violenta o discorso sessista. «Imparare un linguaggio inclusivo privo di odio e di offese sessiste è un primo passo per la parità». 

 

Protagoniste solo le donne

 

«Questa oggi è la nostra lotta-intimano le attiviste del collettivo catanese trans-femminista all’inizio della passeggiata rumorosa in via etnea- chiediamo agli uomini di lasciare la testa del corteo». In strada centinaia di ragazze, bambine e adulte. Generazioni femminili mischiate insieme in un unico coro che gridava rabbia.  Una potenza femminile forte che ieri sera si è unito  istinto di sorellanza che spesso è l’unica arma di difesa contro la violenza ed il possesso maschile. Mazzi di chiavi agitati in aria, pentole battute con i mestoli, tamburi, fischietti, piedi scalpitati. Un rumore forte che veniva dal profondo del cuore per rispondere all’appello di Elena Cecchettin. «Non basta il lutto, non faremo un minuto d silenzio nelle scuole perché il silenzio è complice. Faremo rumore perché solo continuando a reagire potremmo vivere». Una provocazione forte diretta al ministro Valditara che questa settimana ha proposto un minuto di silenzio nelle scuole per la morte di Giulia. 

 

 

Perché il corteo si è fermato davanti alla questura ? 

 «La polizia non è intervenuta dopo la segnalazione fatta da un vicino di casa di Giulia Checchettin la sera dell’omicidio. Si poteva salvare». Dopo questo ulteriore dettaglio, tra le strade, prende forma l’urlo di protesta: «Mi difendono le mie sorelle e non la polizia». Il corteo, dopo aver percorso la via Etnea di Catania, non facendo caso alla pioggia che si mescolava tra le urla,  si è fermato davanti la questura di via Manzoni. La scelta, non casuale nasconde un significato specifico: sottolineare  l’inefficacia dell’azione delle forze dell’ordine per i casi di femminicidio, le denunce di molestie e stalking spesso sminuite e dunque normalizzate,  le ingiustizie  subite in tribunale da parte di donne stuprate e non credute. « Questo come quello di tutte le altre donne è  un omicidio di stato» urla il corteo davanti alla questura. In quel momento non c’è spazio per nessuna obbiezione: le donne, davanti a uno stato assente, restano da sole.  «Nel momento in cui la stessa magistratura colpevolizza le  donne che subiscono violenze, questa diventa di fatto complice e parte del problema».

 

E la movida? Che colpe ha?  

Il corteo si è mosso poi verso l’ostello e piazza Federico secondo di Svevia due luoghi centrali per la movida catanese di molti giovani. Nel ricordo della ragazza stuprata a Palermo proprio alla “Vucciria” luogo di ritrovo storico per i Palermitani; le manifestanti hanno scelto di fermarsi nei luoghi simboli della movida catanese. Perché?  «Spesso è proprio in questi luoghi in cui consumano le violenze. Rendere consapevoli i frequentatori dei locali ed anche i loro proprietari è fondamentale per creare luoghi di ritrovo sicuri».  L’invito è ancora una volta quello di essere parte attiva della propria società: riconoscere il problema e saperlo identificare anche durante una serata tra amici e amiche. 

 

Cosa è cambiato quindi per il caso Cecchetin? 

Si chiede di prendere posizione per la prima volta, non solo alle donne nel riconoscere le violenza e il potere del proprio no ma anche verso gli uomini che imparino a riconoscere, battute comportamenti sessisti e violenti tra   i loro coetanei. Il monito è quello di imparare a vivere in una società civile dove si sceglie di convivere con uomini e donne. Rispettarsi e sentirsi chiamati in causa davanti a un problema di violenza di genere sistematica. 

2-copia-2.jpegimg_9784.jpeg1-copia-2.jpeg

facebook
instagram
twitter
youtube
tiktok

 Sicra Press, Testata registrata al Tribunale di Catania n° 11/2014 del 12/05/2014 P.IVA: 05581250874 – P.IVA 05811480879

www.sicrapress.it @ All Right Reserved 2023 - Sito web realizzato da Flazio.com

SICRAPRESS - Informazione e Comunicazione

Iscriviti alla Newsletter

Lasciaci la tua mail per rimanere aggiornato su tutti i nuovi articoli del nostro blog. Lascia la tua mail qui sotto!

Articoli popolari oggi

SICRAPRESS - Informazione e Comunicazione
blog-detail

Pelligra rimbalza i dubbi: Catania, faremo tanta strada insieme
Notizie, Sport, In evidenza, cataniacalcio, conferenza stampa, ross pelligra,

Pelligra rimbalza i dubbi: Catania, faremo tanta strada insieme

Davide Vitanza

2024-03-01 18:38

In conferenza stampa dopo la vittoria di mercoledì contro il Rimini, il presidente Rosario Pelligra ha parlato degli investimenti e del centro sportivo ...

Voto di scambio: arrestato l'ex assessore regionale Sorbello
Notizie, Cronaca, In evidenza, voto di scambio, Mellilli, Sorbello,

Voto di scambio: arrestato l'ex assessore regionale Sorbello

Redazione

2024-03-01 18:28

L'ex assessore regionale ed ex sindaco di Melilli  Giuseppe Sorbelllo, è uno dei 12 arrestati nell’ambito dell’operazione Asmundo dei carabinieri di S

Intimidazione ad Alfio Conti:
Notizie, Cronaca, In evidenza,

Intimidazione ad Alfio Conti: "Non indietreggio di un millimetro"

Agenzia Sicrapress

2024-03-01 15:50

A Castiglione di Sicilia non si parla d'altro. Due auto sono state incendiate all’imprenditore Alfio Conti (Land Rover) e alla moglie Virginia Imbesi (Suv Peuge

Letizia Battaglia, la macchina fotografica come una penna per raccontare la mafia
Notizie, Attualità, Cultura e Spettacolo, In evidenza, Letizia Battaglia,

Letizia Battaglia, la macchina fotografica come una penna per raccontare la mafia

Redazione

2024-03-01 14:04

“Donne contro la mafia: Letizia Battaglia”. Questo il tema del quinto appuntamento con i Seminari di Ateneo “Territorio, ambiente e mafie”

Estorce 100 euro di benzina a un ragazzino
Notizie, Cronaca, In evidenza,

Estorce 100 euro di benzina a un ragazzino

Agenzia Sicrapress

2024-03-01 14:01

Arresti domiciliari con dispositivo elettronico di controllo (braccialetto), per un’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Catania, nei confronti di Mario Au

Sanità, nel 2023 spesi 40 miliardi per le spese mediche private
Notizie, Attualità, Medicina, In evidenza, sanita, Cgil ragusa,

Sanità, nel 2023 spesi 40 miliardi per le spese mediche private

Redazione

2024-03-01 11:26

La Cgil di Ragusa propone alla rete di Associazioni la costituzione di un Forum provinciale per la difesa e la promozione della salute

Sciopero contro la violenza maschile: l'8 marzo
Notizie, Attualità, In evidenza,

Sciopero contro la violenza maschile: l'8 marzo

Agenzia Sicrapress

2024-03-01 08:56

Riceviamo e pubblichiamo.L'8 marzo 2024, per l’ottavo anno consecutivo USB risponde all’appello di Non Una di Meno e proclama lo sciopero generale contro la v

Aci S. Antonio: ma cosa hanno combinato amministratori e funzionari?
Notizie, Cronaca, In evidenza, sisma, Aci s. antonio, 42 indagati,

Aci S. Antonio: ma cosa hanno combinato amministratori e funzionari?

Redazione

2024-02-29 19:10

Un'indagine articolata nell'ambito di più filoni d'inchiesta, dal 2019 al 2023, che ha coinvolto il Comune di Aci Sant'Antonio

Castellini, è lui il giovane capitano del Catania
Notizie, Sport, In evidenza, coppa Italia, CataniaRimini,

Castellini, è lui il giovane capitano del Catania

Rosario Cardillo

2024-02-29 12:00

Il Catania, nella partita di Coppa Italia contro il Rimini, ha vissuto una delle serate più importanti della presidenza Pelligra, presente allo stadio...

Lanfranco Zappalà e la figuraccia:
Notizie, Attualità, In evidenza,

Lanfranco Zappalà e la figuraccia: "Pagherò la multa"

Agenzia Sicrapress

2024-02-29 08:48

È diventato virale sui social il video che ritrae l’ex consigliere comunale Lanfranco Zappalà, candidato sindaco con una propria lista civica

Catania, che festa: ribalta il Rimini e vola in finale
Notizie, Sport, In evidenza,

Catania, che festa: ribalta il Rimini e vola in finale

Rosario Cardillo

2024-02-28 23:49

Quella che accoglie Il Catania, è un’atmosfera meravigliosa, non solo per i 19.842 spettatori paganti al “Massimino”, ma per l’aria che si respirava già dal pom

Antonio De Luca: Non saremo complici di Schifani e Salvini
Notizie, Politica, In evidenza,

Antonio De Luca: Non saremo complici di Schifani e Salvini

Agenzia Sicrapress

2024-02-28 18:16

“Il Movimento 5 Stelle all’ARS dice no alla bozza di Accordo per lo Sviluppo e la Coesione del governo Schifani. Non saremo mai complici della propaganda di Sal

Strage ad Altavilla Milicia, l'omicida scarica le responsabilità sui coniugi
Notizie, Cronaca, In evidenza,

Strage ad Altavilla Milicia, l'omicida scarica le responsabilità sui coniugi

Redazione

2024-02-28 17:15

Sembra riaffiorino i ricordi, almeno a quanto afferma l'avvocato Giancarlo Barracato che difende Giovanni Barreca l'uomo accusato, insieme alla figlia

Gioia ad Acireale, arriva la teca della Madonna delle Lacrime
Notizie, Attualità, In evidenza,

Gioia ad Acireale, arriva la teca della Madonna delle Lacrime

Davide Vitanza

2024-02-28 16:00

Arriva ad Acireale il reliquiario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, che verrà accolto dall'1 al 3 marzo nella parrocchia Santi Cosma e Damiano ...

Ciclismo, no al giro di Sicilia: perché? Tuona il Movimento Siciliano d'Azione
Notizie, Sport, In evidenza,

Ciclismo, no al giro di Sicilia: perché? Tuona il Movimento Siciliano d'Azione

Davide Vitanza

2024-02-28 12:57

Il Giro di Sicilia, l'evento ciclistico in programma per aprile, è stato annullato, ma la gara si terrà ugualmente anche se in un'altra regione ...

Paternò: trasportano droga in scooter, denunciati 3 ragazzi
Notizie, Cronaca, In evidenza,

Paternò: trasportano droga in scooter, denunciati 3 ragazzi

Davide Vitanza

2024-02-28 12:21

Le attività di controllo stradale a Paternò hanno portato i Carabinieri a denunciare 3 giovani che trasportavano droghe, segnalando poi numerose infrazioni ...

Apre la porta di casa e gli sparano a morte
Notizie, Cronaca, In evidenza,

Apre la porta di casa e gli sparano a morte

Agenzia Sicrapress

2024-02-28 08:48

Si è consegnato ai carabinieri che erano già ulle sue tracce, accompagnato dal suo legale, l'avvocato Matteo Anzalone, il presunto autore dell'omicidio di Giova

Autonomia differenziata: “Un disegno di legge che divide il Paese”
Notizie, Attualità, In evidenza, autonomia differenziata,

Autonomia differenziata: “Un disegno di legge che divide il Paese”

Redazione

2024-02-28 08:00

Conto alla rovescia per la manifestazione contro l’autonomia differenziata del 2 marzo a Catania

Misericordia, una favola contemporanea sulla solitudine delle donne
Notizie, Cultura e Spettacolo, In evidenza, Emma Dante,

Misericordia, una favola contemporanea sulla solitudine delle donne

Redazione

2024-02-27 17:29

Sala Verga, nell’ambito della Stagione del Teatro Stabile di Catania, MISERICORDIA scritto e diretto da Emma Dante

Ponte: un miliardo e 300 milioni, 800 milioni per i Termovalorizzatori
Notizie, Politica, In evidenza,

Ponte: un miliardo e 300 milioni, 800 milioni per i Termovalorizzatori

Agenzia Sicrapress

2024-02-27 17:03

“La Regione Siciliana viene in Commissione UE all’ARS a presentare una bozza di accordo per lo Sviluppo e Coesione che prevede una cifra abnorme per Ponte sullo
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder